Aziende in crisi: la chiusura non è l’unica soluzione

Vittorio Ferrero è un manager di lunga esperienza in un settore un po’ particolare: è infatti capo operations del fondo BCI che rileva, da multinazionali di vari settori, stabilimenti produttivi considerati non più strategici, per trasformare le produzioni e ridare loro nuova vita.

Daniela Fabbri
Scopri di più

Vuoi avere più informazioni sul percorso di Outplacement?

Contattaci

Aziende in crisi: la chiusura non è l’unica soluzione

Vittorio Ferrero è un manager di lunga esperienza in un settore un po’ particolare: è infatti capo operations del fondo BCI che rileva, da multinazionali di vari settori, stabilimenti produttivi considerati non più strategici, per trasformare le produzioni e ridare loro nuova vita. Vista la profonda conoscenza del tema delle ristrutturazioni aziendali, a lui abbiamo chiesto di darci un’opinione su quello che aspetta il sistema produttivo italiano nei prossimi mesi.

Ingegner Ferrero, in cosa consiste la vostra attività?
“Veniamo chiamati a trovare nuove soluzioni per plants che altrimenti rischierebbero di chiudere. Prendiamo in carico persone e attrezzature e cerchiamo di sviluppare nuovi prodotti, per traghettare queste aziende verso un nuovo futuro, garantendo la continuità occupazionale. Un’azienda di Bari che produceva tubi al neon è stata trasformata per realizzare la parte filtrante delle mascherine chirurgiche. Un’altra specializzata in cateteri e stent per interventi di chirurgia cardiovascolare sta per mettere sul mercato una siringa brevettata ad ago retrattile, mentre a breve partiremo con la fase di sviluppo per una realtà di Volpiano leader nel settore delle idropulitrici”.

Cosa ha portato queste aziende a far ricorso al vostro intervento?
“Sono tutte aziende che operavano con la formula del contract manifacturing: dovevano produrre a costi competitivi per la casa madre, che si occupa delle vendite. Negli ultimi tempi avevano perso in competitività, non c’era più la ricerca dell’efficienza, la sfida a produrre meglio, era insomma subentrato un senso di appagamento del comfort raggiunto. E questo è un rischio per chi lavora per conto delle multinazionali: se ci si limita a riproporre sempre gli stessi modelli produttivi si rischia di essere sostituiti da realtà che possono giocare sul costo del lavoro più basso, creando situazioni spiacevoli a livello sociale. Il che è un peccato, perché il tessuto produttivo italiano, fatto da Pmi, ha la vocazione per il contract manifacturing. Solo che bisogna saper innovare, uno sforzo che non è nelle corde dei manager di queste multinazionali, che sono abituati a pensare sottoschemi che si ripetono. Noi cerchiamo soluzioni senza metterci vincoli, ma è più frequente pensare ai vincoli prima che alle soluzioni”.

Secondo lei cosa succederà in Italia con la fine dell’emergenza Covid?
“Assisteremo a una serie di casi in cui, con la scusa della pandemia, alcune multinazionali ripenseranno la loro organizzazione. I motivi non sono legati al Covid, ma vengono da lontano. Se le aziende vanno male non è certamente a causa delle persone ma del management. Detto questo avremo l’avvio di procedure per la chiusura di siti produttivi in modo abbastanza indifferenziato per settore e dimensione, ma questo non significa che per queste aziende e per queste persone il futuro debba necessariamente essere segnato. Certo però serve un cambiamento significativo a livello manageriale: serve il coraggio di assumere decisioni anche rischiose senza avere tutte le certezze, serve sviluppare uno spirito più imprenditoriale, accantonando la tradizionale avversione al rischio. Serve cominciare a pensare fuori dagli schemi e prendere decisioni veloci ed efficaci. Ristrutturare un’azienda, salvando posti di lavoro, non è impossibile e noi siamo pronti a raccogliere ulteriori sfide”.

Condividi questo articolo

Vuoi imparare nuovi modi per aumentare le prestazioni della tua azienda?

Possiamo aiutarti a sfruttare le opportunità.

Contatti

Con oltre 380 uffici al mondo, siamo ovunque la tua azienda ha bisogno di noi.

Uffici nel mondo
I nostri servizi

I nostri servizi

Reveal

Assessment e analisi in grado di rivelare punti di forza, abilità e opportunità di crescita

Per saperne di più
I nostri servizi

Reach

Coaching e sviluppo della leadership specifici per ogni momento chiave della carriera

Per saperne di più
I nostri servizi

Refresh

Servizi di Outplacement per garantire nuove opportunità professionali

Per saperne di più
I nostri servizi

Reveal

Assessment e analisi che rivelano informazioni utili sui tuoi talenti

Per saperne di più
I nostri servizi

Refresh

Servizi di Outplacement per garantire nuove opportunità a tutti i tuoi dipendenti

Per saperne di più